testata 2020.jpg
program
Scarica la guida all'ascolto

C’è qualcosa di evocativo e quasi di spirituale in un trio che sfrutta la grande capacità empatica dei suoi componenti per comporre arte e comunicare vita. È quello che succede quando parliamo di Paolo Fresu, Dino Rubino e Marco Bardoscia. Un trio inedito che si confronta con le reciproche esperienze dirette (Paolo e Marco suonano insieme nel progetto cameristico “Altissima Luce”, e spesso in trio con Daniele Di Bonaventura quando il duo di Paolo con il celebre bandoneonista diventa, appunto, un trio) e con i diversi stili che caratterizzano i singoli musicisti; diversi ma perfettamente assimilabili e complementari. Un dialogo a tre voci raffinato, di grande impatto emotivo e intellettivo che si compone del suono caldo e corposo e della mente vivida e creativa di Fresu, delle linee potenti e coinvolgenti del contrabbasso di Bardoscia e del pianismo elegante e vibrante di Rubino. Il trio è stato voluto in questa forma da Fresu per l’avventura teatrale del progetto “Tempo di Chet -La versione di Chet Baker” prodotto dal Teatro Stabile di Bolzano diretto da Walter Zambaldi e per la regia di Leo Muscato. Tutte le musiche, composte da Fresu, sono prodotte dal trio e appaiono anche sul cd“Tempo di Chet”, pubblicato da TǔkMusic etichetta discografica del trombettista sardo, fondamentalmente dedicata ai nuovi talenti italiani, delle quali fila sia Bardoscia che Rubino fanno parte integrante da diversi anni..
Paolo Fresu
¨Fresu is one of those musicians who come from time to timeto remind us why jazz is so special and unique" (Buenos Aires Herald).

The village marching band and the most important international awards, the Sardinian countryside and the albums, discovering jazz and his manycollaborations, his love of small things and Paris. There are not many people capable of putting together such a diverse array of elements and turn it into such an incredible and fast stylistic growth. Paolo Fresu succeeded in a country like Italy where, for too long, jazz was famous just like Shakespeare or Matisse paintings, Armstrong was little more than a freak show and Miles Davis was acknowledged well after his creative peak.The magic lies in the spontaneous way in which he managed to convey the deepest meanings and magic of his native land with the most precious of the arts.At this stage of his successful and long career there is no need to list recordings, awards and experiences that have made Fresu an international star, his music loved by many. Inside his trumpet sound runs the sap that has illuminated the European jazz nouvelle vague, the depth of a thought that doesn’t limit itself to music, his generosity that sees him in the right place at the right time and most of all the unending passion that always drives him and that, after entering the wisdom age having passed the fifty target, to think about alsowhat surrounds him, helping young artists and offering them a chance to express their potential through his Tǔk Music label.His present is a classic and whirly reality, a worthy sign of the omnivore and creative artist he is.
Dino Rubino
Dino Rubino, classe 1980, inizia lo studio del pianoforte presso il Conservatorio “V. Bellini” di Catania, ma, dopo appena tre anni, dopo aver visto suonare Tom Harrell, decide di abbandonarlo per intraprendere lo studio della tromba. Nel 1998 vince il premio Massimo Urbani come miglior talento nazionale emergente, riconoscimento che gli aprirà alcune importanti porte; nel 2000, infatti, viene chiamato da Furio Di Castri a far parte al progetto “Giovani artisti d’Europa” Ricomincia a studiare il pianoforte, strumento che –contemporaneamente ala tromba –non abbandonerà più. Nel 2008 entra a far parte del gruppo di Francesco Cafiso, con cui suonerà per cinque anni, incidendo sei dischi. Nel 2009 si diploma in pianoforte e inizia la specialistica in jazz al Consevatorio A.Corelli di Messina, che concluderà all’inizio del 2012. Nel 2011 viene chiamato da Paolo Fresu per entrare a far parte della sua etichetta discografica "Tùk Music". Nel luglio del 2014 è ospite - per una residenza mensile - dell'Istituto di Cultura Italiano di Parigi all'interno della rassegna "Les promesses de l'Art". Da quel momento inizia a collaborare con musicisti italiani che vivono da anni a Parigi tra i quali Aldo Romano e Riccardo Del Fra. Un’esperienza incisiva che ha portato Dino a trasferirsi a Parigi, dove vive in questo momento. Attualmente è attivo con il suo progetto in solo, “Roaming Heart”, e leader di “On Air Trio”, formazione con Paolino Dalla Porta ed Enzo Zirilli. Ha registrato quattro dischi da leader.
Marco Bardoscia
A quindici anni si iscrive alla classe di Contrabbasso del conservatorio Tito Schipadi Lecce dove conseguirà il diploma nel 2005 sotto la guida del M° Leonardo Presicci. Durante gli anni del conservatorio va maturando una forte passione per la musica Afroamericana, comincia a trascrivere i grandi maestri del jazz e studia gli standards, pane quotidiano di ogni jazzista, colleziona tra l’altro esperienze musicali di vario tipo e suonando in molti festival in Italia, Belgio, Germania, Kosovo, Marocco, Olanda, Grecia, Turchia, Irlanda e Francia.Nel 2002 frequenta le clinics di Umbria Jazz e vince il premio al talento emesso dal Berklee College Of Music di Boston (USA) Nel 2007 pubblica il suo primo disco da leader dal titolo "Opening" con ospite Gianluca Petrella, e ad Aprile 2011 il secondo: “The Dreamer”. Vanta collaborazioni di rilievo nel panorama jazzistico europeo, Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Ernst Reijseger, sono alcuni dei nomi con cui ha collaborato.
24
July 2020 ore 20.30
Cervo, Piazza dei Corallini
Paolo Fresu Trio - “Tempo di Chet” - Prima replica
  • Paolo Fresu
    effetti , Flicorno , Tromba
  • Dino Rubino
    Pianoforte e tromba , Flicorno
  • Marco Bardoscia
    Contrabasso
Concerto Jazz

Prezzi biglietti: poltrone € 40,00 - ingressi € 25,00
ingresso ragazzi fino a 19 anni e studenti sino a 26 € 15,00
bambini sino ai 10 anni e disabili ingresso gratuito
 
 
 
Cervo Festival - Comune di Cervo
-
salita al Castello, 15
-
Cervo
-
18010
-
info@cervofestival.com
-
www.cervofestival.com
-
00246280085
-
Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
Per maggiori info