testata 2020.jpg
program
Scarica la guida all'ascolto

Oltre che nelle sue lettere, la vita e le vicissitudini di Paganini si incontrano nella poco conosciuta sua autobiografia, e nelle parole e nei racconti di quanti, musicisti (spesso violinisti), letterati, compositori, amici, avversari, ebbero il destino di incontrarlo. Nel suo fulmineo e giovanissimo avvento, nell’esaltazione della sua grande e prorompente carriera, scorre il filo rosso di un uomo dal carattere forte e puntuto, determinato e insieme folle, se nella follia consideriamo la possibilità di restare coi piedi per terra e nel contempo di riuscire con un niente a decollare in mondi sconosciuti e a portare in quei mondi con sé tutti gli ascoltatori. La gara musicale con Spohr, l’incontro con Lipinski (due grandi violinisti dell’epoca), la profonda amicizia con Luigi Germi, con Gioacchino Rossini e D’Azeglio sono alcune delle pagine di vita che si apriranno. E si potrà ascoltare tanta della sua musica più famosa arrangiata per questo particolare Quartetto.
Il quartetto è formato da validissimi musicisti che, come lui, sono genovesi. La strumentazione per questa formazione è curata dal Maestro (direttore d’orchestra, chitarrista, oltre che compositore) Michele Trenti.
Andrea Nicolini
Diplomato nel 1985 alla Scuola del Teatro Stabile di Genova, interpreta ruoli in spettacoli diretti da Gianfranco De Bosio (“L’Avaro” di Molière), Nanni Garella (tra gli altri “I giganti della montagna” di Pirandello), Marco Sciaccaluga (tra cui “Intrigo e amore” di Schiller nel ruolo di Wurm, “L’Illusion comique” di Corneille, “Enrico IV” di Pirandello), Gabriele Lavia (tra cui “Molto rumore per nulla” di Shakespeare), Franco Branciaroli (tra cui “Re Lear” di Shakespeare), Juan Diego Puerta Lopez (“End of the rainbow” di Quilter), Valerio Binasco (“Natalia” di Macrì), Juri Ferrini (“L’alchimista” di Johnson), Alfredo Arias (“La dame de chez Maxim” di Feydeau), Peter Stein (“Demoni” da Dostoevskij, “Il ritorno a casa” di Pinter, “Il Parco” di Botho Strauss), Luca Giberti (tra cui “Il contrabbasso” di Suskind), Alberto Giusta (“Amadeus” di Shaffer), Carlo Sciaccaluga (“The Pillowman” di MacDonaugh) e molti altri.
Ha recitato a fianco di Lina Sastri in “Caro Eduardo” da Eduardo De Filippo, regia di C.Barilari. Cura la messinscena di numerosi spettacoli di Teatro Musicale, tra cui “Don Chisciotte” di Nicolini-Curina, “Con le spalle al mare” di Amoroso-Nicolini.
E’ compositore di musiche di scena per numerosissime produzioni, a fianco di registi quali Marco Sciaccaluga, Mathias Langhof, Krzysztof Zanussi, Benno Besson, Valerio Binasco, Franco Branciaroli, Jurij Ferrini, Nanni Garella, Gabriele Lavia, Graziano Piazza, Carlo Sciaccaluga.
Ensemble Phonodrama
L’Ensemble Phonodrama si forma nel 2004 dall’incontro tra i due musicisti del Duo Novecento (Gianluca Nicolini-flauto e Fabrizio Giudice-chitarra, insieme dal 1989), e un attore-musicista, Andrea Nicolini.
L’intenzione è quella di sperimentare nuove possibilità espressive con la consapevolezza che le già forti potenzialità evocative della pagina musicale e del racconto possono trovare un’espressione più completa con la loro unione.
Ha realizzato una serie di spettacoli che uniscono teatro, musica, poesia, letteratura: Parole dall’anima nuda (2004), Come un ventaglio (omaggio a Garcia Lorca, 2005), Omaggio a Montale (Teatro dell’Archivolto, 2006), Senza libri, senza chitarra e senza cielo-Mazzini e l’esilio (2007), I Garibaldini (Festival Internazionale della poesia di Genova 2008), Chitarre Corsare (Teatri Possibili Liguria, regia di Sergio Maifredi, 2009), Fiume del Mondo (D’Annunzio e l’impresa di Fiume, Festival Internazionale della poesia di Genova 2013), Uscito dalla trincea-Il fronte dei poeti (2015), Monkey’s Kabarett (da Franz Kafka, 2018), Come un lingua di fuoco-l’invasione di Messico con le parole dei vinti (2019).
Nel 2014 ha dato vita ad un progetto, sostenuto dalla Comunità Europea e dal Gruppo Europeo Nemo Geie, intitolato Euplay-L’Unità d’Europa attraverso la musica, con spettacoli, master class e concorsi musicali in Polonia, Inghilterra, Italia e Belgio.
Inoltre l’Ensemble ha registrato le musiche di scena, scritte da Andrea Nicolini, di numerosi spettacoli per il Teatro Stabile di Genova e altre compagnie di prosa italiane.
Nel 2020 nasce il progetto di preparare un nuovo spettacolo sulla vita, le passioni e la musica di Nicolò Paganini, su idea di Michele Trenti (compositore, direttore d’orchestra e vice-presidente dell’Associazione Amici di Paganini, che sostiene il progetto). Per questa occasione si decide di allargare il gruppo strumentale, fondendo le peculiarità timbriche della chitarra (strumento amato e suonato da Paganini) con quelle di tre dei cinque strumenti a fiato dell’Ensemble Ludus in fabula (flauto, clarinetto, fagotto) unendo così le esperienze dei Phonodrama con quelle dei Ludus in fabula, formazione nata nel 1995, sempre con l’obiettivo di unire musica e parola, dall’incontro dell’attore Andrea Nicolini con il Quintetto a fiati Danzi, attivo sulla scena musicale dal 1987.
Fabrizio Giudice
Iniziati gli studi sotto la guida del padre, li ha proseguiti con Anselmo Bersano, diplomandosi nel 1988 presso il Conservatorio “Paganini” di Genova e vincendo il premio come miglior diplomato dell’anno in chitarra al concorso Petrini-Zamboni di Cesena.
Si è perfezionato con Guillermo Fierens, Frédéric Zigante, Angelo Giardino e, presso l'Accademia Chigiana di Siena, con Oscar Ghiglia.
Ha seguito corsi di Analisi e Composizione con Alfio Fazio e corsi di interpretazione della musica dell’Ottocento su strumenti originali presso la Scuola Civica di Milano.
E’ risultato vincitore e premiato in qualità di solista in numerosi concorsi nazionali ed internazionali.
È docente di Chitarra presso il Conservatorio “N.Paganini” di Genova.
Ha suonato da solista e in varie formazioni in numerose città, in Italia e all’estero, tra cui: Mosca (Moscow International Performing Art Center), Bruxelles (Teatro Beaux Arts), Budapest, Aschaffenburgh, Spoleto (Teatro Melisso per il Festival dei due mondi), Siena (Accademia Chigiana), Cesena (Teatro Comunale), Genova (Teatro Carlo Felice), Ajaccio e Varazze (Festival Internazionali del mandolino).
Ha collaborato con musicisti e personalità del mondo dello spettacolo come Mike Marshall, Michail Bereznitsky, Pietro Borgonovo, Carlo Aonzo, Giampiero Reverberi, Ugo Pagliai, Paola Gassman, Paola Pitagora, Omero Antonutti, Sergio Maifredi, Giorgio Gallione, Andrea Liberovici.
Si è dedicato alla riscoperta e rivalutazione dell’opera del chitarrista genovese Pasquale Taraffo (1887-1937), del quale ha ricostruito e riscritto numerosi brani solistici direttamente dalle incisioni discografiche dell’epoca. Ha partecipato ai concerti celebrativi in suo onore tenuti a Genova (Palazzo Ducale) e Milano (Palazzina Liberty), su iniziativa della rivista musicale “Il Fronimo”.
Nel 2004 ha pubblicato un cd da solista per l’etichetta “Philarmonia” dal titolo “Pasquale Taraffo e il suo tempo” e un volume con le partiture di Taraffo per le Edizioni Musicali Sinfonica.
Gianluca Nicolini
Diplomatosi presso il Conservatorio "L.Cherubini" di Firenze, si è perfezionato studiando con Marzio Conti e seguendo corsi con Alain Marion, Conrad Klemm, Raymond Guiot e Aurèle Nicolet.Ha suonato nell' Orchestra del Teatro “Carlo Felice” di Genova, nell’ Orchestra Filarmonica Italiana ed è stato Primo Flauto dell'Orchestra Filarmonica Giovanile di Genova dal 1989 al 2000.
Fa parte del Quintetto a fiati Danzi, con cui è stato premiato in numerosi concorsi nazionali e internazionali e con cui ha inciso un CD di “Ouvertures” di Rossini per le Edizioni Musicali Sinfonica, trascritte dal quintetto stesso e pubblicate dalla stessa casa editrice; dell’Ensemble “Ludus in fabula”, che opera nel campo del teatro musicale da camera e del Baroque and blue Ensemble, che propone contaminazione di diversi stili musicali.
Ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI.
Ha inciso anche per Splas(h), Koch Records, Devega e ABE.
Ha curato, nel 2017, con il chitarrista Frédéric Zigante, la revisione della nuova edizione della Sonatina per flauto e chitarra op.205 di Mario Castelnuovo-Tedesco per le edizioni Max Eschig.
È docente di Musica d’insieme per strumenti a fiato presso il Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria.
Lorenzo Tedone
Inizia a suonare il clarinetto all'età di 9 anni, successivamente a 13 anni si iscrive presso il conservatorio Nicolò Paganini dove tutt'ora frequenta il Biennio sotto la guida del Maestro P.P.Fantini.
Durante la sua formazione musicale ha partecipato a numerosi corsi di alta formazione con i maestri M.Ferraris, V.Serangeli, R.Morales e C.Orlando.
Vince, nel 2019, il primo premio, nella sua 7a edizione, al Concorso Nazionale di Ozegna.
Tutt'ora collabora attivamente con numerose realtà musicali della Liguria.
Luigi Tedone
Compie gli studi musicali presso il Conservatorio N. Paganini dove si diploma nel 1985 con il massimo dei voti. Successivamente si perfeziona a Torino con il M° V. Menghini.
Nel 1987 con l'Orchestra Filarmonica Italiana inizia la sua esperienza in orchestra come 1° Fagotto partecipando a importanti stagioni in Teatri italiani e festival internazionali: Lucerna, Locarno, Fermo, Montecarlo. Frequenta la Scuola di Alto perfezionamento musicale di Saluzzo (CN) sotto la guida del M° Rino Vernizzi.
Nel 1990 vince l'audizione come Primo Fagotto presso l'orchestra RAI di Torino e l'anno successivo il Concorso come primo Fagotto al Teatro Carlo Felice dove tuttora è
impegnato nell'attività.
Ha suonato con i Direttori d'orchestra: Y.Aronovich, L.Maazel, M.W. Chung, C.Hogwood, Sir N.Marriner, K. Petrenko, F. Luisi, J. Jones, A. Pappano, G. Bertini, D. Oren, G. Rozdestvenskij, Lu Ja,J. Mena. Ha collaborato con l'Orchestra della Svizzera italiana, il Teatro Regio di Torino, l'Orchestra Internazionale d'Italia, i Solisti di Genova e con l'Orchestra da camera Teatro Carlo Felice come solista.
In formazioni cameristiche: Quintetto, Ottetto, Trio di fiati e pianoforte ha eseguito numerosi concerti conseguendo premi in Concorsi Nazionali ed Internazionali (Stresa, Moncalieri, Porcia e Viareggio).
Ha effettuato registrazioni discografiche per la Dynamic, ARTS, EGF, Videoradio.
23
August 2020 ore 20.30
Cervo - Oratorio di Santa Caterina d`Alessandria
Andrea Nicolini e Ensemble Phonodrama “Paganini: la vita minima e la meraviglia” - Prima replica
  • Andrea Nicolini
    attore
  • Ensemble Phonodrama
    • Fabrizio Giudice
      Chitarra
    • Gianluca Nicolini
      Flauto traverso
    • Lorenzo Tedone
      Clarinetto
    • Luigi Tedone
      Fagotto
program
  • Niccolò Paganini
    dal Quartetto per archi e chitarra in Re maggiore N. 9 - Allegro moderato (Esposizione)
  • Niccolò Paganini
    dal Duetto n3 M.S. 110 per violino e chitarra - Polacca: mosso
  • Niccolò Paganini
    dalla Grande Sonata per chitarra sola op. 39 - Romanza
  • Niccolò Paganini
    da Mosè-Fantasia M.S. 23 - Tema
  • Niccolò Paganini
    dal Concerto per violino e orchestra in Re maggiore n° 1 op. 6 - Rondò
  • Niccolò Paganini
    dalla Sonata per violino e chitarra in La minore n° 1, dal “Centone di Sonate” - Rondoncino – Allegro
  • Niccolò Paganini
    dal Carnevale di Venezia op. 10 - Tema e due variazioni
  • Niccolò Paganini
    estratti da Variazioni sul tema “Di tanti palpiti”, dal Tancredi di Rossini, op. 13
  • Niccolò Paganini
    estratti da Capriccio n° 24
Viaggio di scoperte e di stupore attraverso la vita del grande violinista genovese, con le parole sue e di chi lo ha conosciuto.

Arrangiamenti musicali a cura di Michele Trenti

In collaborazione con Associazione Amici di Paganini e Paganini Genova Festival

Prezzi biglietti: poltrone € 15,00
bambini sino ai 10 anni e disabili ingresso gratuito
 
 
 
Cervo Festival - Comune di Cervo
-
salita al Castello, 15
-
Cervo
-
18010
-
info@cervofestival.com
-
www.cervofestival.com
-
00246280085
-
Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
Per maggiori info